Nansen Fridtjof

Nansen Fridtjof

Esploratore e zoologo norvegese nato vicino a Oslo nel 1861.

Dopo gli studi di scienze naturali nel 1888 fece il primo viaggio di esplorazione attraverso la Groenlandia. Dopo l’incredibile ritrovamento di alcuni resti della Janette, all’estremità suboccidentale della Groenlandia, tragicamente stritolata dai ghiacchi e affondata durante l’eplorazione al Polo Nord del 1881, al largo della costa siberiana orientale, Nansen maturò la famosa teoria della deriva dei ghiacci. Ovvero l’esistenza di una corrente marina che si dirigeva dalle isole della Nuova Siberia verso occidente, passando per il polo. Secondo Nansen, una nave che volontariamente si facesse imprigionare dai ghiacci, sarebbe stata trasportata nelle acque dell’Atlantico. Deciso a dimostrare la validità della sua teoria, fece costruire la Fram, una nave progettata appositamente affinchè la morsa del ghiaccio non potesse spaccarla e partì nel 1893 con a bordo provviste per cinque anni e un equipaggio da lui selezionato composto da 12 uomini, tra cui il comandate Otto Sverdrup. Raggiunto il punto più elevato, trascorse due anni a bordo della Fram e nell’attesa che la nave compisse il tragitto stimato dai suoi calcoli, tentò assieme ad uno dei membri dell’equipaggio, Hjalmar Johansen, 28 cani da slitta, tre slitte e una tonnellata di rifornimenti, di raggiungere a piedi sul pack il Polo Nord. Una traversata di oltre ottocento chilometri dal punto in cui la Fram si trovava, più altri 1000 per raggiungere l’estremo nord delle Spitzbergen. L’8 aprile del 1895 i due uomini raggiunsero la latitudine di 86º 12?, il punto più settentrionale allora mai toccato dall’uomo, quindi rinunciarono a proseguire a causa delle pessime condizioni del pack e per l’esaurimento delle scorte di viveri. Un viaggio terribile, a temperature che raggiungevano i -40°. Grazie alla lodevole e perfetta capacità organizzativa di Nansen, la Fram e tutto il suo equipaggio terminò il lungo viaggio, in concomitanza al suo arrivo dalla traversata. Fu una spedizione memorabile. Negli anni a seguire Nansen ottenne la cattedra di oceanografia e promosse l’esplorazione oceanografica deimari polari. Studiò la morfologia del fondo del mare artico eseguendo moltissime misure (la bottiglia di Nansen è ancor oggi usata per la raccolta di campioni di acqua). Fu anche molto impegnato in politica: la dichiarazione d’indipendenza della Norvegia dalla Svezia del 1905 è anche dovuta alla sua intensa opera. Nel 1913 tornò alle esplorazioni interessandosi del cosiddetto “passaggio a Nord-Est”, volendo aprire una via commerciale tra Norvegia ed Estremo Oriente. Infine durante la Grande Guerra fu ambasciatore a Londra e commissario presso la Società delle Nazioni; la sua attività per il rientro dei prigionieri (passaporto Nansen), gli valse nel 1922 il Nobel per la pace.

Curiosità

Bottiglia di Nansen
Speciale bottiglia per il prelievo di campioni d’acqua di mare che devono poi essere analizzati in laboratorio. Tali bottiglie vengono calate chiuse fino alla profondità voluta e poi fatte aprire con il metodo dell’invio di un messaggero.